La vera storia di Gottardo Archi

“…Quella mattina d’autuno del 1592, Gottardo Archi, bergamasco, figlio del fu Vincenzo, vasaio in Valverde, pittore per diletto e per intima necessità, ha camminato a lungo sino alla porta del Soccorso …”

Intorno al ritrovamento di undici rudimentali tele di uno sconosciuto pittore, Gottardo Archi, vissuto nel borgo di Valverde a Bergamo dalla metà del XVI secolo, si snoda la narrazione che, come nei fotogrammi di un film lungo tre decenni, racconta e interpreta il trauma, paesaggistico e psicologico, dell’edificazione delle Mura venete (1561-91) che muterà per sempre e in modo irreversibile il volto di quel miracolo d’architettura e urbanistica che è Città Alta.

Formato : Brossura

 

 

 12,00

Solo 1 pezzi disponibili (ordinabile)

Descrizione

Davide Sapienza evoca il genius loci delle Mura Veneziane di Bergamo.
L’Autore con il ben noto artificio letterario del ritrovamento storico-artistico si mette nella prospettiva di chi, pittore per diletto e non per commissione, traccia una mappa in cui sguardo interiore e descrizione reale guidano il suo tratteggio, a comporre forse non una forma d’arte ma una testimonianza emotiva di come si possa sopravvivere ai mutamenti del paesaggio delle nostre vite.

Informazioni aggiuntive

Peso 100 g
Dimensioni 16 x 11 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La vera storia di Gottardo Archi”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *