Con una spesa di 70 Euro la spedizione è gratuita, lo sapevi? Solo per spedizioni in Italia
Giuseppe Pesenti

Le rogge di Zogno

Questo libro descrive l’origine e l’evoluzione storica di numerosi opifici artigianali e industriali sorti a partire dalla fine del XV secolo a Zogno su una roggia artificiale lunga 2,5 chilometri e nota come roggia Traini-Brembati.
Gli opifici in questione consistono di mulini, peste, cartiere, magli, torchi, concerie, fucine e segherie tutti rigorosamente funzionanti con l’acqua del fiume Brembo.

 

Antiquaria

 15,00

Non disponibile

INDICE
Prefazione.
Introduzione
ROGGIA ACQUADA
Secoli XX – XIX: Situazione generale
Secoli XIX – XVIII: Annose controversie e innovazioni tecniche
Secolo XVII. Costruzione della cartiera di Ambria
Secolo XVI: Gli opifici più antichi
ROGGIA TRAINI
Secolo XX: La società dei Fratelli laganoni
Secoli XX – XIX: Situazione generale
Secolo XIX: La cartiera dei Fratelli Traini
Secolo XIX: Gli altri opifici
Secolo XVIII: La roggia nella decadenza della Repubblica Veneta
Secolo XVIII: La cartiera Pesenti e il follo Marconi-Maffeis
Secolo XVIII: Gli altri opifici
Secolo XVII: Costruzione del maglio e della Segheria Pasinelli
Secolo XVII: Costruzione del mulino del Capo
Secolo XVII: Gli scandali della Misericordia di Zogno
Secolo XVII: Costruzione della cartiera Brembati
Secoli XVI-XV: Gli opifici più antichi
Considerazioni
SERIOLA ZANCHI
SERIOLA MAFFEIS
Conclusioni

Informazioni aggiuntive

Peso1000 g
Dimensioni30 × 22 cm
Autore

Editore

Anno

Pagine

136

Illustrazioni

Legatura

Condizioni

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le rogge di Zogno”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.