Alessandro Zaccuri

La sposa di Attila

Valutato 5.00 su 5 su base di 1 recensioni
(1 recensione del cliente)

Estate 1935. Attila Szakváry e la sua bellissima moglie Eszter, elegante coppia di turisti ungheresi, sono in viaggio in Italia. Una digressione non prevista nel loro Grand Tour li porta a Bergamo. Se ne invaghiscono.
Eszter, appassionata di storia dell’arte italiana, è fatalmente attratta dai capolavori dell’Accademia Carrara: in particolare la colpisce un dipinto quattrocentesco, Le storie di Griselda, l’enigmatica eroina dell’ultima novella del Decameron di Boccaccio che resiste con ferma virtù alle crudeli e inspiegabili umiliazioni a cui la sottopone il marito.
Proprio durante il soggiorno a Bergamo il rapporto tra Eszter e Attila inizia a incrinarsi. Una notte, nella camera d’albergo dell’Agnello d’Oro, Eszter chiede allo sposo una prova d’amore. La vera risposta l’avrà solo nove anni dopo, nell’ottobre del 1944, quando a Budapest si insedia il governo filonazista delle Croci Frecciate.

Genius Loci : Accademia Carrara – bergamo

 12,00

Solo 1 pezzi disponibili (ordinabile)

Informazioni aggiuntive

Peso 200 g
Dimensioni 18 × 11 cm
Autore

Editore

Collana

Anno

ISBN

9788878273504

Pagine

96

Legatura

1 recensione per La sposa di Attila

  1. Valutato 5 su 5

    Raffi

    Più di un anno fa avevo deciso di mettermi sulle tracce di tutti quei libri o romanzi che parlavano o venivano ambientati a Bergamo. Ne ho trovati un po’ e qualcuno mi ha intrigato più di altri. E’ il caso del racconto La Sposa di Attila, che mi ha fatto scoprire un bellissimo dipinto esposto all’Accademia Carrara grazie ad un artificio letterario che ho amato moltissimo. Lo consiglio a tutti. Se volete saperne di più, leggete qui: https://cosedibergamo.com/2018/02/02/laccademia-carrara-in-compagnia-de-la-sposa-di-attila/

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *