La sposa di Attila

Estate 1935. Attila Szakváry e la sua bellissima moglie Eszter, elegante coppia di turisti ungheresi, sono in viaggio in Italia. Una digressione non prevista nel loro Grand Tour li porta a Bergamo. Se ne invaghiscono.
Eszter, appassionata di storia dell’arte italiana, è fatalmente attratta dai capolavori dell’Accademia Carrara: in particolare la colpisce un dipinto quattrocentesco, Le storie di Griselda, l’enigmatica eroina dell’ultima novella del Decameron di Boccaccio che resiste con ferma virtù alle crudeli e inspiegabili umiliazioni a cui la sottopone il marito.
Proprio durante il soggiorno a Bergamo il rapporto tra Eszter e Attila inizia a incrinarsi. Una notte, nella camera d’albergo dell’Agnello d’Oro, Eszter chiede allo sposo una prova d’amore. La vera risposta l’avrà solo nove anni dopo, nell’ottobre del 1944, quando a Budapest si insedia il governo filonazista delle Croci Frecciate.

Formato : Brossura

 12,00

Solo 1 pezzi disponibili (ordinabile)

Descrizione

Alessandro Zaccuri evoca il genius loci dell’Accademia Carrara di Bergamo.

Informazioni aggiuntive

Peso 200 g
Dimensioni 18 x 11 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La sposa di Attila”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *